Mercoledì ho dato il mio ultimo esame! pensare che un anno fa me ne mancavano ancora dieci , e la fine sembrava troppo lontana. Come sempre, anche in vista dell’ultimo scoglio, ho iniziato a pensare a tutte le cose che potevano andare storte e impedirmi di raggiungere l’obiettivo. Invece è andata bene, meglio di come mi aspettassi! Un mega sospiro di sollievo! Ora il grosso è fatto. Purtroppo per il voto di laurea non posso aspettarmi molto; o meglio preferisco non aspettarmi molto per evitare cocenti delusioni.

E pensare che solo un anno fa…ero accanto a Lei, nel suo ultimo giorno di vita. E anche quel giorno, con i libri davanti. Cercando di studiare e al tempo stesso di farle sentire la mia presenza, standole accanto. Quegli ultimi dolorosissimi giorni in cui mi disse le sue ultimi frasi. “Voglio morire”. Forse non avevo sentito bene, lo disse con un filo di voce, ma…non voleva altri farmaci, era troppo stanca. O il giorno in cui mi disse di non uscire di casa, perchè ero raffreddata, e mettendomi la mano sulla fronte mi disse “tu non stai bene”.

Ad un anno dalla mattina in cui l’ho persa, mi ritrovo a cercare di andare avanti. Non sono rimasta in casa a ricordare quegli attimi, che d’altronde mi tormentano da un anno, specie quando studio. Sono andata all’università a capire come proseguire per la mia laurea, e cosa fare con il gruppo di ricerca. Penso che il miglior modo per onorare il suo ricordo sia proprio questo, andare avanti per la mia strada e cercare di realizzarei miei sogni.

Annunci