E’ così che mi sento oggi. Vedere le mie amiche laurearsi con il massimo dei voti e riuscire solo a dirmi “io non avrò tutto questo. nè lodi, nè plausi, niente di niente”…è molto triste. Mi sento semplicemente sconfitta e umiliata su tutti i fronti nella mia avventura universitaria; nel non essere riuscita a socializzare con più di una decina di persone, nel non essere riuscita ad essere come loro, i vincenti. Mi sono fermata prima…quando ho visto che per raggiungere il mio obiettivo avrei dovuto fare qualcosa contro la mia morale. Anche cose di poco conto eh…essere falsa e gentile con la raccomandata di turno per carpirle informazioni utili all’esame, ad esempio. Avere rapporti di amicizia con persone che non stimo, solo per raggiungere più facilmente degli obiettivi. Dover fare le scarpe alle proprie amiche. No, non sono cose per me…per raggiungere i miei obiettivi non voglio mietere vittime.

Sarebbe stato molto più facile e intelligente comportarsi in quel modo. E invece no, ho visto tutto questo e mi sono detta: “sapete che c’è di nuovo? andate a quel paese, voi e questa università del cavolo”. Non voglio dover dire grazie a nessuno. Però fa male lo stesso pensare che nonostante tutte le mie fatiche per farcela da sola, non avrò alcuna ricompensa, nessuna lode, plauso o quant’altro. Avrò solo la mia coscienza a posto. E ora come ora, mi sembra troppo poco.

O forse sono solo una vigliacca? Forse mi sono solo nascosta dietro i miei moralismi?

 

Annunci